DOMANDE FREQUENTI

LE DOMANDE PIU’ FREQUENTI CHE RICEVIAMO

LE RESINE…


HO DELLE PIASTRELLE CHE NON MI PIACCIONO PIÙ, LA RESINA SI APPLICA DIRETTAMENTE SENZA DEMOLIZIONI?

E’ probabilmente la domanda più frequente in assoluto, e la sua risposta è si. Se le piastrelle esistenti sono ben incollate è possibile applicare la resina direttamente, senza demolizioni, con un ciclo applicativo garantito. Vi sarà quindi il risparmio economico della demolizione, ma soprattutto si eviteranno polvere e macerie in casa. Per rinnovare gli impianti è sufficiente realizzare le tracce necessarie, e chiuderle a filo con quanto già presente.

In territorio Svizzero la cosa è ancor più apprezzata in relazione alla frequente applicazione delle piastrelle con colle contenenti residui di amianto, per una quindi difficile procedura di smaltimento.

 

QUANTO TEMPO CI VUOLE PER REALIZZARE UNA SUPERFICIE IN RESINA?

Il ciclo applicativo standard su piastrelle richiede 5 giorni lavorativi, su superfici nuove 3-4. Questo indipendentemente dai mq, ma semplicemente per rispettare le corrette asciugature dei vari materiali utilizzati.

 

I VOSTRI INTERVENTI SONO COPERTI DA GARANZIA?

Come ogni intervento, anche l’applicazione di resina è coperta dalla garanzia di legge di 2 anni. La resina deve rimanere adesa al supporto, non deve fare bolle, deve risultare impermeabile. Danni da usura o danneggiamento, anche immediati, sono invece da valutare caso per caso.

 

MI HANNO DETTO CHE LA RESINA È DELICATA..

Esistono diversi tipi di resine sul mercato, e ciascuno ha le proprie caratteristiche e prestazioni. In generale la resina non è un gres porcellanato, e chi ricerca questo tipo di resistenze rimarrà forse deluso. Le prestazioni sono però assolutamente adeguate alle necessità di ambienti domestici e di lavoro, sono superiori a piastrelle porose (cotto, pietra) e ad ogni tipo di parquet, e sono regolate da un disciplinare ben preciso definito dal CATAS. La resina MATERIA di Elekta gode della certificazione “per uso commerciale”, i microcementi le sono superiori.

 

E SE LA SUPERFICIE IN RESINA SI ROVINA?

Rispetto a materiali più tradizionali, come ad esempio legno o parquet, la resina può ricevere manutenzione ed essere ritoccata. Questo è un vantaggio incredibile, perché consente in poco tempo e con spese contenute di ripristinare in modo accettabile piccoli segni, rotture o assorbimenti che si dovessero realizzare nel tempo. La piastrella che hai in cantina, priva di ossidazione, sarà completamente diversa da quelle sul pavimento… e lo stesso vale per il legno.

 

LA RESINA IN DOCCIA QUANTO RESISTE?

La resina, a fine del processo applicativo, è impermeabile, e lo rimane per tutto il proprio ciclo di vita. Viene consigliata un minimo di manutenzione nel corso del tempo, possibile con l’applicazione in fai da te di cera idro-oleo repellente in dispersione acquosa.

Quello che può accadere è che cedano le siliconature perimetrali, come a volte succede con il decorrere del tempo indipendentemente dal tipo di materiale utilizzato. Se ciò avviene in presenza di microcavillature, si potrà notare un cambio di colore della resina (diversamente sarebbe stato l’annerimento delle fughe delle piastrelle). Questo testimonia la presenza di piccoli assorbimenti che, se gestiti rapidamente con nuova siliconatura, non hanno strascichi.

 

MI PIACEREBBE RESINARE IL PIATTO DOCCIA. ME LO CONSIGLIA?

Resinare il piatto doccia è tecnicamente possibile e lo facciamo spesso. È doveroso dire che è una soluzione che, al fronte di una resa estetica bellissima, non è però priva di qualche rischio. Il principale è legato alla perfetta planarità del supporto fornito, difficilmente verificabile in corso d’opera, che se non dovesse essere tale potrebbe causare piccoli accumuli di acqua (che non è mai pura, ma è sempre misto sapone). In questo caso non sarebbe possibile garantire la tenuta della finitura nel medio periodo, che potrebbe semplicemente scurire o diversamente avere anche un più deciso degrado.

Per questo motivo, in assenza di necessità tecniche (es: mancanza spessori), ci sentiamo di consigliare l’utilizzo di un piatto doccia tradizionale.

LE CARTE DA PARATI..


LE CARTE DA PARATI SI POSSONO METTERE IN BAGNO?

Nel corso del tempo anche la tecnologia di stampa si è molto evoluta. Non tutte le carte possono essere messe in contesti umidi, soprattutto quelle tradizionali. Noi proponiamo la linea speciale H2O di WallPepper, con stampa diretta su teli in fibra di vetro, che offre una eccellente resistenza meccanica, risulta impermeabile, e se anche ci dovesse essere qualche micro infiltrazione, il tutto rimarrebbe senza conseguenze proprio grazie al supporto in vetro. La soluzione per una decorazione senza pensieri.

 

SE VI MANDO LA FOTO DI FAMIGLIA POSSIAMO REALIZZARNE UNA PARETE? 

Sebbene il nostro desiderio sia quello di andare nella direzione del massimo livello di personalizzazione, oggi preferiamo non intraprendere questa strada. Sebbene tecnicamente possibile, l’eccellenza del risultato finale è legata alla qualità della grafica fornita. Questo significa che da una foto, anche curata, potrebbe derivare una stampa in qualità inferiore alle aspettative, con un risultato deludente.

 

LE PROPOSTE GRAFICHE SONO MODIFICABILI?

Le carte in stampa digitale di WallPepper sono sempre modificabili. Innanzitutto ogni progetto prevede l’adattamento dell’immagine scelta al proprio ambiente, con un foto inserimento dedicato che faccia immaginare l’ambiente finale. Qualora sia richiesto è prevista gratuitamente la possibilità di cambiare colori o eliminare elementi grafici non graditi, mentre sono possibili modifiche più importanti al fronte di un contributo economico.

 

LA CARTA DA PARATI È ADATTA PER IL RETROCUCINA? 

Così come per la doccia, per le sollecitazioni del retro cucina sono suggeriti i prodotti speciali H2O oppure Strong di WallPepper.

 

HO DEI BAMBINI PICCOLI, È UNA SCELTA AZZARDATA PER LA SALA?

Le carte da parati oggi sono utilizzate in tutti gli ambienti senza paura delle sollecitazioni che possono avere.. vanno ormai anche all’esterno! È importante in sede di preventivo fare presenti le caratteristiche richieste in modo tale che si possa proporre la giusta soluzione tecnica.

LE PITTURE ARTIGIANALI…


SENTO PARLARE DI PITTURA LAVABILE, MA COSA SIGNIFICA?

Le pitture, al di la della loro natura chimica, sono classificate in base alle prestazioni che offrono sul muro. Si distinguono in:

 

  • TRASPIRANTI: è il livello qualitativo più basso, anche esteticamente in relazione alla copertura inferiore, e non hanno resistenza ad alcun tipo di sollecitazione. Sono da preferire in presenza di elevata umidità sui muri.

 

  • LAVABILI: rappresentano la scelta migliore per grado di copertura e realizzazione estetica. Si tratta di prodotti semi-impermeabili, che resistono meglio alle sollecitazioni e possono essere lavati per rimuovere gran parte delle macchie di sporco. Le pitture Estate Emulsion e Modern Emulsion di Farrow & Ball appartengono a questa categoria.

 

  • SUPER LAVABILI: parlando di pitture all’acqua, rappresentano sicuramente il livello qualitativo maggiore. La resa estetica è molto coprente, l’impermeabilità è elevata e, conseguentemente, le resistenze al lavaggio sono le maggiori. Il contro è una molto limitata traspirabilità del muro.

 

  • SMALTI: lo smalto è un prodotto di natura differente e offre prestazioni di durezza, impermeabilità e lavabilità eccellenti. Per una miglior resa estetica necessità di fondi particolarmente curati. Può essere utilizzato anche su legno, ad esempio per la finitura di porte, finestre, mobili, ecc ecc. La linea Eggshell di Farrow & Ball appartiene a questa categoria.

 

PERCHE FARROW&BALL E NON UN’ALTRA PITTURA?

Farrow & Ball è un’eccellenza mondiale per quanto riguarda pitture e smalti. Si tratta di un produttore artigianale estremamente attento all’ecologia che si distingue per prodotti eccezionalmente opachi ed estremamente saturi. Pareti piene, realizzate con colori studiati appositamente e raccolti in una cartella colori riferimento per i migliori designers ed architetti mondiali.

 

SU CHE SUPPORTI IL RISULTATO È MIGLIORE?

Come ogni prodotto verniciante, il risultato è ottimale su fondi il più integri possibile. Soprattutto gli smalti, e quindi la linea EggShell, danno il loro meglio su fondi a gesso, o cartongesso. È sempre possibile applicare sugli intonaci fini, eventualmente con stuccature o altro da realizzarsi

 

POSSO APPLICARLA DA SOLO?

I prodotti Farrow&Ball sono commercializzati già nella tinta scelta e pronti all’uso. È quindi sempre possibile utilizzarli in autonomia, soprattutto per la decorazione di pareti piccole o manufatti. Qualora le dimensioni degli ambienti vada a crescere, consigliamo di farsi aiutare da dei professionisti in funzione del proprio livello di esperienza

 

I CAMPIONARI SONO A PAGAMENTO?

Farrow&Ball prevede un campionario in dimensioni ridotte gratuito per tutti i clienti, sempre disponibile presso il nostro showroom. Si possono poi acquistare cartelle colori di dimensioni maggiori, ma solitamente sono riservate ad utilizzatori professionali.

LA CALCE NATURALE…


PERCHÈ DOVREI METTERE LA CALCE NELLA MIA ABITAZIONE?

La calce è un prodotto utilizzato per la decorazione d’interni da secoli. Nel corso del tempo ha subito delle variazioni nel modo di produrla, applicarla, conservarla.

Elekta oggi utilizza per CalceTerra un procedimento produttivo tradizionale estremamente rigoroso, dal quale scaturisce un prodotto puro, privo di antibatterici e conservanti. L’applicazione, suggerita in toni uniformi a sostituire la normale tinteggiatura, realizza un effetto particolarmente gradevole e naturalmente ostile alla proliferazione di muffe, batteri ed insetti.

È quindi un prodotto naturale ideale per il proprio benessere, e per questo dovrebbe essere scelto.

 

MI HANNO CONSIGLIATO UNA FINITURA IN CALCE PER IL BAGNO, COSA NE PENSA?

La calce è un ottimo prodotto, e gran parte delle sue ottime caratteristiche sono legate alla sua totale traspirabilità. Questo è però un limite se il prodotto è destinato ad ambienti umidi quali, ad esempio, il bagno. Tecnicamente è possibile utilizzare la calce anche in questi contesti, al patto però di impermeabilizzarla con prodotti di finitura sintetici. Questo significa però snaturare il prodotto, andando a perdere tra l’altro completamente la sua naturalità: per questo ci sentiamo di sconsigliarne l’utilizzo in bagno, privilegiando altre soluzioni tecniche più adatte e funzionali come, ad esempio, la Resina

 

SU CHE SUPPORTI SI PUÒ APPLICARE LA CALCE?

CalceTerra di Elekta è offerta in 3 differenti grane, alle quali è associata una differente texture finale. Con le grande maggiori (CT2, CT3 e CT4) è possibile lavorare su fondi standard quali intonaci fini, rasanti o similari; per la grana più fine (CT1), che tra l’altro richiede l’applicazione a pennello, sono invece richiesti fondi molto curati e a grana minima (o l’applicazione in più mani)

COME DEDURRE


I VOSTRI INTERVENTI SONO DEDUCIBILI?

Tutti gli interventi di manutenzione ordinaria, se prevedono fornitura e posa dei materiali, godono di IVA agevolata al 10%.

Qualora venga aperta una pratica CILA presso il proprio Comune, con l’accesso alla ristrutturazione straordinaria, gli stessi saranno deducibili ai fini fiscali al 50% (o al 65% se associati ad interventi di recupero energetico).

È in ogni caso opportuno far riferimento al proprio professionista per maggiori dettagli.

 

COSA DEVO FARE PER DEDURRE IL VOSTRO INTERVENTO?

In fase di contrattualizzazione sarà sufficiente darci il numero di CILA associato. Sarà nostra cura inserirlo su comunicazioni e fatture, in modo tale che non ci siamo problemi di nessun tipo. Fondamentale sarà poi che i pagamenti avvengano in modo tracciato tramite bonifici effettuati utilizzando l’apposita funzione “bonifico per detrazione”.

 

COME SI PRESENTA UNA CILA ?

La comunicazione di inizio lavori è una pratica che deve essere presentata con l’aiuto di un professionista iscritto all’apposito albo. Sostanzialmente si comunica al comune lo stato di fatto, cosa si intende fare, e si certifica a fine lavori quanto realizzato. Trattandosi normalmente di lavori interni in edilizia libera non richiede approvazione, ma è una semplice comunicazione.

Qualora fosse necessario abbiamo dei professionisti cui fare riferimento per aiutarvi.

LAVORO ESTERO


SIETE ABILITATI A LAVORARE IN SVIZZERA?

Da diversi anni lavoriamo in territorio elvetico, nel rispetto di tutte le norme cantonali vigenti.

A livello fiscale disponiamo di Partita IVA svizzera e fatturiamo direttamente al 7,7%.

 

LAVORATE SOLO IN PROSSIMITÀ DEL VOSTRO SHOWROOM?

No, ci spostiamo regolarmente anche al di fuori dei confini regionali o nazionali, con costi di viaggio, vitto e alloggio da concordare con il cliente.